“Zingaretti e la giunta regionale hanno deciso di dare al Consorzio unico industriale e a chi lo dirige poteri molto più ampi di quello che invece dovrebbe avere. Lo si vuole trasformare in un organismo intermedio, attuatore di investimenti europei e soprattutto gestore dei finanziamenti del Pnrr.  La Regione Lazio ha già una società regionale, Lazio Innova, che si occupa di fondi strutturali e di investimenti europei e non si capisce perché si debba creare un duplicato arrivando a stanziare in favore del Consorzio  addirittura 5 milioni di euro. Ricordiamo che il Consorzio unico industriale, costituitosi  in seguito alla decisione di unificare i cinque consorzi prima esistenti attraverso una giusta opera di razionalizzazione, dovrebbe occuparsi esclusivamente dello sviluppo industriale e della valorizzazione del  territorio e delle imprese. Ma siccome a pensar male si fa peccato ma spesso ci si azzecca non vorremmo, come hanno ben evidenziato i consiglieri Maselli e Colosimo,  che dietro questa volontà di dare al Consorzio un ruolo che è già in capo a Lazio Innova si nasconda la volontà di farne l’ennesimo carrozzone di Zingaretti e company, e di utilizzare la cifra stanziata senza precisi vincoli per assunzioni, incarichi e quant’altro. Abbiamo provato ad impedirglielo con i nostri emendamenti ma purtroppo non sono stati accolti. Confidiamo che durante la discussione del bilancio ci sia la volontà di destinare almeno il 50% dei 5 milioni in conto capitale per investimenti.” Lo dichiarano in una nota i consiglieri regionali di  FDI

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>